Share on facebook
Facebook
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp

Sintomi e Patologie

Carie Dentale

Carie Dentale

Indice

Cos’è la Carie Dentale?

La carie è un’infezione dentale che inizialmente attacca e distrugge lo smalto, la sostanza più dura che ricopre la parte esterna del dente.

Se la carie non viene trattata può arrivare in profondità, intaccando i tessuti interni come la dentina e la polpa dentaria, che provocano il tipico dolore pulsante, molto forte ed incessante che i pazienti accusano quando la malattia ha fatto ormai il suo decorso più grave.

La carie è la malattia dentale più diffusa in tutto il mondo. Si calcola che nella popolazione adulta la prevalenza di carie sia di circa il 63% e circa la metà di esse (48%) hanno perso almeno un dente a causa di questa patologia.

Le Fasi della Carie Dentale

La carie dentaria è una patologia subdola a lento decorso (può aggravarsi in circa 6 mesi fino a 2 anni). Il processo carioso è in grado di distruggere addirittura lo smalto e la dentina ammorbidendone i tessuti duri con la progressiva demineralizzazione del dente.

Si può dividere in 4 fasi principali:

  1. I Stadio (Carie iniziale) – l’infezione inizia ad intaccare lo smalto demineralizzandolo. Nel primo stadio si presenta come una macchia marroncina che spesso viene trascurata dato che è asintomatica, cioè non presenta alcun dolore o fastidio. Può essere individuata da un’occhio esperto del medico ma difficilmente da soli.
  2. II Stadio (Carie Superficiale) – Gli acidi alimentati dalla fermentazione degli zuccheri cominciano a perforare sempre più in profondità lo smalto per intaccare la dentina. In questa fase ancora non si percepiscono forti sensazioni di mal di denti o fastidi.
  3. III Stadio (Carie Avanzata) – La dentina viene compromessa ed il processo cariogeno avanza velocemente dato che i tessuti interni sono meno resistenti. Si iniziano ad avvertire dolori al dente che possono essere più o meno forti.
  4. IV Stadio (Pulpite) – La carie non curata, attacca sempre più in profondità le strutture interne del dente, danneggiando la polpa dentale (per cui la malattia diventa Pulpite). In questa fase, solitamente si prova un forte dolore costante, pulsante ed insopportabile. Se nemmeno in questa fase la patologia viene trattata, possono insorgere tante complicanze (ascesso dentale, cisti, granuloma, necrosi della polpa dentaria, ecc.). 

fasi della carie dentale

Quali sono le Cause della Carie Dentale?

La carie ha molteplici cause e fattori di rischio che aumentano la probabilità che questa patologia si manifesti.

Fattori Esogeni (Esterni)

Sono i fattori con maggiore incidenza che scatenano la maggior parte delle carie.
  • Accumulo di Placca dentale e tartaro che non vengono rimossi periodicamente da una seduta di pulizia dei denti professionale;
  • Scorretta o incostante igiene orale quotidiana (lavarsi i denti con lo spazzolino, filo interdentale o scovolino);
  • Alimentazione ricca di zuccheri raffinati (motivo per cui la carie ha una grossa incidenza nei bambini);
  • Tabagismo (Fumo).
Fattori Endogeni (Interni)
  • Riduzione della salivazione;
  • Insufficiente resistenza della struttura dei denti.

Sintomi della Carie Dentale

Nelle prime fasi, la carie è asintomatica fino a quando l’infezione batterica comincia ad attaccare in profondità ed i sintomi della fase più avanzata sono:

  • Alitosi o alito cattivo;
  • Mal di Denti, dolore che varia di intensità fino ad un dolore atroce e pulsante;
  • Ipersensibilità Dentinale, dolore lieve ed acuto mentre si manga o beve qualcosa di caldo o freddo e dolci; 
  • Presenza di buchi visibili tra i denti.

Per diagnosticare e curare tempestivamente la carie è necessario fare visita dal dentista regolarmente almeno 2 volte all’anno.

Come si Cura una Carie Dentale?

La carie non guarisce da sola nel tempo. I tessuti dentali non hanno capacità rigenerative.

Se si avvertono sintomi sopraelencati, un dolore lieve e passeggero, non bisogna ignorarne il sintomo perché tenderà solo a peggiorare se non viene trattata la causa in tempo. Le uniche cure sono gli interventi odontoiatrici:

  • Fluorizzazione (Trattamento al Fluoro) – Trattamento di prevenzione professionale che consiste nell’applicazione di un’alta concentrazione di fluoro da parte del dentista o igienista per ridurre il rischio di carie ed invertire il processo cariogeno nelle prime fasi.
  • Otturazione – il metodo più comune per curare la carie quando non ha ancora raggiunto la polpa dentaria. Consiste nella cura della lesione e riempimento dell’area intaccata;
  • Devitalizzazione del Dente – Quando la carie progredisce ed infetta la polpa dentaria, è necessario rimuoverla e sostituirla con appositi materiali.
  • Terapia Antibiotica – Prescritta dal dentista in base al quadro clinico del paziente.
  • Estrazione dentaria – Se la carie è avanzata al punto da causare la necrosi totale del dente, l’unica soluzione rimasta è la rimozione del dente.

Se la carie degenera in cisti dentaria, l’apicectomia o il drenaggio sono i trattamenti chirurgici più indicati. 

Come Prevenire la Carie Dentale

Come si può prevenire la carie?

Esistono diverse accortezze che aiutano ad impedire la proliferazione della placca batterica e conseguenti infiammazioni ed infezioni patologiche.

Igiene Orale Quotidiana

  • Spazzolare i denti dopo ogni pasto almeno 2 volte al giorno;
  • Usare il filo interdentale almeno una volta al giorno;
  • Sciacquare la bocca con un collutorio antisettico con fluoro;
  • Utilizzare dentifrici ricchi di fluoro, evitando l’uso eccessivo di dentifrici sbiancanti (dato che sono abrasivi).

Corretta Alimentazione

  • Evitare o limitare l’assunzione di cibi e bevande ricchi di zuccheri semplici (saccarosio e glucosio) e complessi (con amido);
  • Evitare cibi appiccicosi come il caramello o i bon bon gommosi, dato che restano a lungo attaccati ai denti;
  • Masticare lentamente e a fondo i cibi per migliorare la funzionalità masticatoria, digestiva e rafforzare i denti.

Dal Dentista

  • La visita regolare dal dentista e fare una seduta di pulizia dentale professionale ogni 6 – 12 mesi è il modo migliore per prevenire l’insorgenza di qualsiasi patologia orale.
  • Un altro intervento odontoiatrico di prevenzione è la sigillatura dei solchi per richiudere le scanalature dei denti dove si raccolgono i residui di cibo.

Inoltre, il fumo è correlato a molteplici problematiche e patologie orali (alitosi, infezioni dentali, denti macchiati, ecc.) e perciò va evitato o perlomeno ridotto il più possibile.

Altri Articoli

Risorse e link

Call Now ButtonRichiedi informazioni
torna su
Apri chat
Prenota visita su whatsapp
Salve, siamo il Centro odontoiatrico Biodental a Roma Centocelle.

Indirizzo: Largo dei Glicini 5
Orari: Lun - Sab | 09:00 - 20:00